Ufficio del Responsabile della Protezione dei Dati

Indirizzo: Via della Capannaccia, 13 – 47890 San Marino

Telefono: 0549 885872

email: ufficio.rpd@pa.sm

Orari Ufficio: lunedì e giovedì dalle 8.15 alle 18
Martedì, mercoledì e venerdì dalle 8.15 alle 14.15


DIRIGENTE: Avv. Maria Sciarrino
ESPERTO AMMINISTRATIVO: Dott.ssa Giovanna Reffi    
COLLABORATORE AMMINISTRATIVO: Paola Reffi
AUSILIARIO TECNICO: Piergiorgio Albani

MISSION
L’Ufficio del Responsabile della Protezione dei Dati, attraverso la propria attività, supporta il Titolare del Trattamento dei Dati e gli Uffici della Pubblica Amministrazione nella corretta applicazione della  normativa sulla protezione dei dati personali (Legge 21 dicembre 2018 n.171 e Decreto Delegato 19 luglio 2021 n.138). 
Il Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer – DPO) ha compiti di informazione, formazione, consulenza, e sorveglianza dell’adempimento della disciplina sul trattamento dei dati personali.
 

FUNZIONI
I principali compiti dell’Ufficio del Responsabile della Protezione dei Dati sono enunciati all’art. 40 della legge 171/2018:

  • Informare e fornire consulenza al titolare del trattamento o al responsabile del trattamento, nonché ai dipendenti che eseguono il trattamento, in merito agli obblighi derivanti dalla legge 171/2018, nonché da altre disposizioni relative alla protezione dei dati;
  • Sorvegliare l’osservanza della legge 171/2018, di altre disposizioni relative alla protezione dei dati, nonché dalle politiche del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali, compresi l’attribuzione delle responsabilità, la sensibilizzazione e la formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo;
  • Fornire, se richiesto, un parere in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e sorvegliarne lo svolgimento ai sensi dell’art. 36 della legge 171/2018;
  • Cooperare con l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali;
  • Fungere da punto di contatto per l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva di cui all’art. 37 della legge 171/2018, ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione.